you are what you eat

Vitamina B12: conosciamola bene!

Nutrirsi con equilibrio, Vitamine B12

Se ne parla sempre tantissimo, soprattutto in relazione all’alimentazione vegana. Ma non tutti sanno perchè. E’ arrivato il momento di approfondire meglio il ruolo di questa vitamina.

La vitamina B12 fa parte del gruppo delle vitamine idrosolubili e deve essere regolarmente assunta con l’alimentazione. Infatti è indispensabile per il nostro organismo, per la normale funzione neurologica, per la sintesi dei globuli rossi e del DNA. Senza i giusti apporti di vitamina B12 si va in contro a problematiche non irrilevanti.

L’assorbimento della vitamina è veicolato dal fattore intrinseco: una sostanza prodotta dallo stomaco che ne permette il corretto assorbimento. Ci sono alcune condizioni cliniche legate a problemi gastrici che potrebbero interferire con la produzione di fattore intrinseco e quindi con l’assorbimento della vitamina B12. Se soffrite di qualche patologia gastrica è sempre bene controllare i livelli di vitamina B12 nel sangue e parlarne con il vostro medico.

A cosa serve

Questa vitamina è coinvolta attivamente nei processi di formazione dei globuli rossi e contribuisce alla corretta funzionalità delle cellule nervose. Anche dal punto di vista metabolico la vitamina B12 svolge un ruolo fondamentale: è coinvolta nel metabolismo dei carboidrati e quindi ha un ruolo energetico

I sintomi di carenza di vitamina B12 sono: glossite, nausea, iperpigmentazione, debolezza, pallore, deficit di memoria, irritabilità, difficoltà a mantenere l’equilibrio, alterazioni dell’umore.
La carenza di vitamina B12, insieme alla carenza di folati, può portare alla comparsa di anemia macrobiotica megaloblastica, caratterizzata da globuli rossi sono in numero minore, ma più grandi e con una ridotta capacità di trasporto dell’ossigeno.
La carenza può portare anche a infertilità, sia maschile che femminile.

La carenza di vitamina B12 viene valutata attraverso un semplice esame dal sangue:
normale: B12 superiore a 300 pg/mL
borderline: B12 tra 200 pg/mL e 300 pg/mL
deficit: B12 minore di 200 pg/mL

Le fonti di vitamina B12
E’ contenuta in tutti gli alimenti di origine animale: carne rossa e bianca, nel fegato di vitello e manzo, nelle uova, nei formaggi e latticini, nel pesce (come sgombro, salmone, sardine), nei crostacei, molluschi e frutti di mare (come vongole e ostriche).
Assunzioni adeguate e quotidiane di alimenti di origine animale “proteggono” dalla carenza.

Dal momento che questa vitamina è presente negli alimenti di origine animale, chi segue una dieta vegetariana o vegana deve integrarla costantemente. Non è infatti sufficiente consumare alimenti fortificati, nei quali è stata aggiunta questa vitamina, ad esempio i cereali per la colazione, il latte o altri prodotti a base di soia.

L’integrazione è obbligatoria ed estremamente necessaria: si attua ricorrendo a integratori specifici da assumere costantemente. Gli integratori posso essere sotto forma di cianocobalamina o metilcobalmaina, e l’assunzione migliore risulta essere tramite compresse sublinguali o gocce, per un miglior assorbimento.

Francesca Oggionni
Dietista libero professionista
“Credo fermamente che un'alimentazione equilibrata
sia essenziale per ritrovare il nostro benessere.”
Mi sono Laureata in Dietistica presso l’Università degli Studi di Milano, Facoltà di Medicina e Chirurgia, con voto finale 110/110 e lode. Ho conseguito la Laurea Magistrale in Alimentazione e Nutrizione Umana presso l’Università degli Studi di Milano, Facoltà di Medicina e Chirurgia, con voto finale 110/110 e lode.

Attualmente pratico l’attività di libera professione a Rivolta d’Adda (CR) e in altre strutture dove svolgo visite dietetiche ambulatoriali; frequento l’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano, collaborando con la dietista dott.ssa Manuela Pastore.