you are what you eat

Anguria a volontà!

Nutrirsi con equilibrio

E’ il frutto dell’estate per antonomasia.
Sia per il suo colore, così rosso e invitante, sia per la sua dolcezza e la sua freschezza.

Anche chiamata cocomero o, per i più scientifici, Citrullus lanatus, appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae (di cui fanno parte anche la zucca, la zucchina, il melone, il cetriolo) e proviene dall’Africa tropicale.

La sua polpa, molto dolce e dal gusto delizioso, contiene il 95% di acqua e il 5% di zuccheri e apporta circa 15 kcal per 100 grammi di parte edibile. La scelta una fetta di anguria come spuntino è utile per l’idratazione del corpo e può essere anche preferita da chi deve mantenere il controllo all’ago della bilancia grazie al suo ridotto apporto calorico. Nella sua fresca polpa non oltre e acqua e zuccheri c’è di più, molto di più: non mancano sali minerali e vitamine.
La quota vitaminica è rappresentata dalle vitamine del gruppo B, utili per la produzione di energia, ma in particolare dalla vitamina C, per la nostra pelle, dalla vitamina A e dai carotenoidi, contro l’invecchiamento. Il carotenoide con maggior effetto antiossidante che l’anguria contiene è il licopene, famoso per essere presente nei pomodori e che conferisce la pigmentazione rossa del frutto. La sua azione antiossidante è molto potente e garantisce una particolare protezione alle cellule, svolgendo un’azione antinvecchiamento e antitumorale.

Il frutto è anche ricchissimo di sali minerali: potassio in particolare (280 mg/100g), ma anche magnesio, fosforo e ferro. La buona presenza di potassio e magnesio è utile nel combattere i tipici malesseri dovuti alla stagione calda, come capogiri, crampi, spossatezza: quindi via libera all’anguria quando il caldo si fa sentire! Come se non bastasse è utile per contrastare l’insorgenza di ritenzione idrica, della maledetta cellulite e alleata nel conferire leggerezza alle gambe.

La citrullina
Un nome che fa sorridere, ma una forza senza pari. Da numerosi studi, questo amminoacido presente nell’anguria, sembrerebbe aiutare a prevenire l’ipertensione e a favorire la salute cardiovascolare. E non è finita qui la potenza della citrullina. L’amminoacido in questione è precursore dell’arginina, un altro amminoacido che nel nostro organismo viene ossidato per la formazione dell’ossido di azoto con azione vasodilatatrice. Questa sua azione non è solo utile nel contrastare la pressione alta, ma ha anche un effetto sulla disfunzione erettile. Sono necessarie dosi elevate di citrullina (e quindi di anguria) non paragonabili a quelle presenti nei farmaci utilizzati a tale scopo, ma….perchè non farsi aiutare anche da questo buonissimo frutto?

A chi non è adatta?
Ci sono persone che non riescono a tollerare questo frutto, che soffrono di gonfiore addominale o che hanno delle vere reazioni simil allergiche. Infatti, per la tipologia di fibre, non è adatta a chi soffre di intestino irritabile e chi soffre di allergia alle graminacee, per una reazione crociata, può non riuscire a tollerare a pieno questo frutto (così come per melone e cetrioli).
Ai fini di evitare l’effetto lassativo, è utile eliminare tutti i semi neri prima di mangiarla.

Una fetta di anguria è quindi perfetta per le vostre merende estive: fatela a fettine sottili e infilzate la buccia su uno stecchino di legno: sarà come mangiare un ghiacciolo, e anche i più piccoli non faranno fatica! Un’altra idea pratica e ricavarne delle palline dalla polpa aiutandosi con uno scavino…verranno fuori delle coppette super colorate e freschissime. Un abbinamento super? Con delle foglioline di menta fresca!

Francesca Oggionni
Dietista libero professionista
“Credo fermamente che un'alimentazione equilibrata
sia essenziale per ritrovare il nostro benessere.”
Mi sono Laureata in Dietistica presso l’Università degli Studi di Milano, Facoltà di Medicina e Chirurgia, con voto finale 110/110 e lode. Ho conseguito la Laurea Magistrale in Alimentazione e Nutrizione Umana presso l’Università degli Studi di Milano, Facoltà di Medicina e Chirurgia, con voto finale 110/110 e lode.

Attualmente pratico l’attività di libera professione a Rivolta d’Adda (CR) e in altre strutture dove svolgo visite dietetiche ambulatoriali; frequento l’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano, collaborando con la dietista dott.ssa Manuela Pastore.